Un po’ di chiarezza.

Il 24 è San Giovanni.

Il 29 è San Pietro e Paolo.

Purtroppo, il 26 esiste Santi Giovanni e Paolo.

Non ci tengo per gli auguri e odio dover spiegare 15 volte l’anno questa storia.

“Quando festeggi?”
“A Santissimi Giovanni e Paolo.”
“Ah, il 29!”
“No, quello è San Pietro e Paolo. Il mio onomastico è il 26 giugno.”

 

Inoltre, un’altra sciagura. Mio fratello è nato il 29 giugno:

“Auguri di buon compleanno, fratello di Gianpaolo nato il 29 giugno! Gianpà, è anche il tuo onomastico?”
“No. Festeggio il 26 giugno.”

 

Se pensate che io sia esagerato, allego due screenshot dell’anno scorso.

Screenshot onomastico 2Screenshot onomastico 1

Previous articleGuida social per i quarantenni
Next articleAdriano Celentano, il mio benefattore
Intollerante a molte cose, soprattutto a me stesso. Dipendente da arachidi, pollo e cioccolata. Odio gli errori di grammatica e di battitura. Ho intrapreso una battaglia contro i doppi spazi. Da 0 a 30 anni ho vissuto a Napoli. Diploma scientifico, 60/100, che è il giusto prezzo da pagare per un pezzo di carta. Poi due anni all'università Parthenope, ma fare il rettore mi annoiava. Per nutrire il mio cinismo, inizio a lavorare nel settore del recupero crediti. Poi ho vissuto 4 anni a Monaco di Baviera, per contrastare il fenomeno dilagante del cappuccino accompagnato alla pizza. Sedicente showman, sedicente umorista, sedicente webmaster. Sogno di rivivere la vita di Benedetto Croce al contrario: nascere a Napoli, morire a Pescasseroli. Sulla mia autopsia ci sarà scritto "è morto di intolleranza".

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.